Traduzione: Manoscritto 3227a – Foglio 17V

dobringer-17v

Motus das worte schone / ist des fechtens eyn hort und krone / der gancze materiaz des fechtens / mit aller pertinencia / und der artikeln gar des fundamentes dy var / mit namen sint genant / und werden dir hernach vass bekant / Wy denne eyner nur ficht / so sey her mit den wol bericht / Und sey stetz in motu / und nicht veyer wen her mit / du hebt zu fechten / zo treibe her mit rechte / Umbermer und endlich eyns noch dem andern ku[e]nlich / In eyne rawsche stete / an underloss immediate / das iener nicht kome / czu slage des nympt deser frowen / Und iener schaden / wen her nicht ungeslagen / Von desem komen mag / tut nur deser noch dem rat / Und noch der leren / dy itczunt ist geschreben / So sag ich vorwar / sich schu[e]tzt iener nicht ane var / hastu vornomen / czu slage mag her mit nichte komen /Hie merken das / frequens motus / beslewst in im / begynnes / mittel und ende / alles fechtens / noch deser kunst und lere / alzo das eyner yn eyme rawsche / anhebunge / mittel unde endunge / an underlos und an hindernu[e]s syner wedervechters volbrenge / und ienen mit nichte lasse zu slage komen / Wen of das geet dy zwey wo[e]rter vor / noch / das ist vorslag und nochslag / in mete in una ho[c] quasi quomodo prius irlichem sine atque meo.

Movimento [Motus], prendi ben nota di questa parola, essa è il cuore e la corona della scherma, la vera protagonista dello schermire. Tutto ciò che essa contiene e tutti i fondamenti saranno menzionati con il loro nome e saranno resi noti di seguito. Quando qualcuno schermisce, allora in ciò dovrà essere ben addestrato, e rimanere rapido nel moto, e non tardare quando inizia a combattere. Allora conduci le tue azioni coraggiosamente, tirando un colpo dopo l’altro in modo coerente fino alla fine dell’azione, perchè è degno di lode. Sii rapido e saldo sin da subito in modo che egli non possa colpire. Quando [il nemico] non può colpire è buona sorte ed egli resterà ferito, e non potrà ritirarsi senza essere sconfitto. E dopo gli insegnamenti qui descritti, dico il vero, l’avversario non si può difendere senza pericolo. Se hai capito quello che è descritto qui egli non potrà mai colpire. Sappi che il frequens motus [il movimento costante] è ciò che unisce l’inizio, il mezzo e la fine di tutta la scherma, secondo quest’arte ed insegnamento.
E tu dovresti con rapidità svolgere l’inizio, il mezzo e la fine senza tardare, senza lasciarti ostacolare del nemico o permettergli di colpirti. Questo concetto proviene dalle due parole prima [Vor] e dopo [Nach], che sarebbero il primo colpo [Vorschlag] e il colpo successivo [Nachslag], nel mezzo in una hoc quasi quomodo prius irlichem (?) sine atque meo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...